Per migliorare la tua navigazione e personalizzare la tua esperienza su questo sito, utilizziamo cookie ed altre tecnologie che ci permettono di riconoscerti.
Continuando la navigazione, acconsenti agli utilizzi di cookie e delle altre tecnologie descritti nella nostra Cookie Policy

Faq

Se non trovi qui sotto le informazioni che cercavi, inviaci la tua domanda >>

Cos’è Zero-Glu?

Zero Glu è la prima macchina del pane che offre programmi specifici ed esclusivi a chi deve seguire una dieta senza glutine, a chi è intollerante al grano o al lievito e a tutti gli appassionati del pane fatto in casa!
Con Zero glu si possono realizzare in casa un’ampia varietà di pane e dolci, dai più semplici ai più elaborati, per tutti i giorni e per tutte le occasioni.

Zero-Glu è solo per celiaci e per persone con intolleranze alimentari?

No, Zero-Glu è il prodotto giusto anche per chi sceglie di seguire una “dieta salutistica” e per chi ha la passione di fare il pane in casa. Zero-Glu ha anche i programmi tradizionali e ricette per pane comune e offre complessivamente molte più possibilità rispetto alle macchine in commercio.

Quali forme di pane si possono fare con Zero-Glu?

In aggiunta alla tipica forma pagnotta (pane “in cassetta” da affettare) sono state studiate le forme PANINI e CIABATTE, più adatte alle lavorazioni senza glutine e particolarmente gradite dai bambini, grazie alla consistenza leggera e croccante. Ben 9 programmi e la maggior parte del ricettario sono dedicati a queste forme, nelle varianti più sfiziose.

Si possono fare anche i dolci?

Si, sono disponibili programmi e molte ricette per realizzare dolci nelle 3 forme diverse: pan brioches, “pan gocciole”, torte, plum cakes, merendine monodose ecc…

Perché Zero-Glu ha tanti programmi?

Perché ogni farina e ogni ricetta (dal dolce al salato, nelle 3 diverse forme) ha bisogno di una appropriata tecnica di panificazione (in particolare le farine senza glutine sono veramente difficili da lavorare). Per questo motivo Zero-Glu ha ben 20 programmi, suddivisi in 3 gruppi:
La maggior parte dei programmi senza glutine e dietetici.
“sono una esclusiva Imetec”, frutto d una ricerca fatta sui diversi metodi di panificazione.

Che cosa è possibile fare con i 7 programmi senza glutine?

Tutte le lavorazioni dolci e salate, nelle 3 diverse forme, che utilizzano come base le farine senza glutine in commercio, che sono sostanzialmente di 3 tipi : farine per pane bianco, per pane integrale e per dolci, ricette Indispensabili per la dieta in caso di celiachia o di intolleranza temporanea al glutine.

Che cosa è possibile fare con i 6 programmi dietetici?

  • Pani a base di farine integrali, nelle 3 diverse forme, ideali per diete che richiedono un maggior apporto di fibre o nelle malattie metaboliche (es. diabete.)
  • Pani a base di farine di farro e kamut, nelle 3 diverse forme, utili alternative alle farine comuni nei casi di intolleranza al grano.
  • Pani a base di pasta madre: per diete che richiedono l’esclusione totale del lievito (intolleranza al lievito).
  • Pani con poco lievito: per diete che richiedono un ridotto consumo di lievito (intolleranza al lievito).

Ci sono programmi che permettono di fare ricette di pane con tempi particolarmente lunghi?

Si, il programma per “pani con poco lievito” (n. 13) può durare fino a 15 ore e si basa sull’antica tecnica del POOLISH (doppio impasto) per permettere l’utilizzo di minime quantità di lievito: solo 1-3 grammi di lievito di birra fresco per 1 kg di pane.
Il lievito, per far crescere l’impasto, ha infatti solo bisogno di tempo.
Un esempio: la stessa ricetta che prevede 15 g di lievito è realizzabile con soli 3 grammi di lievito, in 11 ore di panificazione totale.
Con questo programma, il POOLISH (1° impasto preliminare) va lasciato “maturare” (generalmente la notte) nel contenitore per un tempo variabile fino a 12 ore, dopodiché (la mattina) si inseriscono i restanti ingredienti (2° impasto) e la macchina prosegue con le normali fasi successive.
Il ricettario include esempi sia con forma “a cassetta” che con forma “panini/ciabatte” e istruzioni su come applicare questa tecnica ai vari tipi di pane (anche al pane senza glutine).
Come per la pasta madre, questo pane si distingue per sapore e digeribilità e si conserva più giorni.

Come si realizza il pane con la pasta madre?

La pasta madre è “lievito naturale” (non contiene lievito di birra) : si tratta di un panetto a base di farina, acqua e un piccolo attivatore (come miele, yogurt… ) che va tenuto in frigorifero e “rinfrescato” periodicamente con l’aggiunta di altra farina e acqua. Ogni giorno il panetto cresce di dimensioni: al momento di fare il pane una parte viene prelevata ed utilizzata come “lievito”.
Il programma esclusivo di Zero-Glu (n. 12) prevede una durata complessiva di oltre 6 ore e 3 lievitazioni molto lunghe, per dare il tempo alla pasta madre di sviluppare l’azione lievitante.
Il pane che si ottiene ha un sapore unico, risulta più digeribile (e tollerato) e si conserva più giorni. Il ricettario prevede esempi di ricette realizzate sia con il panetto di pasta madre che con lievito di pasta madre liofilizzato.

Non ho mai fatto un pane: è facile imparare con Zero-Glu?

Il ricettario include 100 ricette con informazioni precise e consigli vari per rendere facile l’approccio anche alle persone meno esperte.
Per un risultato garantito si consiglia di eseguire, le prime volte, le diverse ricette così come vengono proposte, senza modificare ingredienti e dosi: successivamente si potranno sperimentare delle varianti alla ricetta eseguita, adattandone gli ingredienti al proprio gusto o dieta personale.
Poco per volta si scopriranno tutte le potenzialità di Zero-Glu e si potranno apprendere nuove tecniche, come quelle per fare il pane con il metodo poolish o con la pasta madre, che fanno di Zero-Glu una macchina in grado di offrire molto di più rispetto ad una macchina tradizionale.

La macchina fa tutto da sola?

Si, per il pane “in cassetta”: l’utente deve solo inserire tutti gli ingredienti nel contenitore e selezionare il programma: la macchina impasta, lievita, cuoce e, alla fine, si spegne da sola.
No, per “panini o ciabatte”: l’utente deve intervenire dopo l’impasto (al BIP) per trasferire l’impasto dal contenitore cassetta al contenitore ciabatta o panini.
L’operazione è semplicissima e nel caso delle lavorazioni senza glutine è particolarmente agevole perché, data la consistenza semi-liquida dell’impasto, il trasferimento si può fare “a cucchiaiate”.

Le ricette sono chiare anche per le persone inesperte?

Per garantire un risultato perfetto al primo colpo, nelle ricette viene indicato:

  • tipo di farina (e spesso marca) perché ogni farina ha caratteristiche proprie ed una resa molto diversa
  • ingredienti indicati in ordine di utilizzo perché l’ordine errato compromette il buon esito finale (ad esempio il sale, a contatto con il lievito, lo disattiva)
  • ingredienti abbinati in modo bilanciato e nella giusta quantità in relazione al programma abbinato
  • precisione al grammo, fondamentale sia nella panificazione che nella pasticceria

E’ semplice adattare una mia ricetta alla macchina del pane?

Si, nel ricettario è descritto il “comportamento” di ognuno dei 20 programmi: in funzione delle istruzioni della propria ricetta si può individuare il programma più adatto e sperimentare.
In alternativa si suggerisce di individuare all’interno del ricettario la ricetta più simile in termini di tipologia di farina e di esecuzione e prenderla come spunto.

Quali farine senza glutine si possono utilizzare?

Il ricettario è stato scritto utilizzando le “miscele” dei marchi di prodotti senza glutine (Schar, SG Diet, Biaglut, Pedon, DS Schar, Nutrifree, Easyglut, ecc.) più facilmente reperibili a livello nazionale, vendute sia in farmacia che al supermercato.
Ogni ricetta indica la marca ed il tipo di farina (es. Schar – Mix B) e propone delle varianti con diverse marche per venire incontro alle esigenze personali del celiaco, sia in termini di gusto (spesso una marca non piace) che di intolleranze associate (alcune marche garantiscono l’assenza, oltre che del glutine, di altri ingredienti quali lattosio, uova, ecc.).

È possibile sostituire il mix proposto in una ricetta senza glutine con quello di un’altra marca?

Ogni mix è diverso dall’altro e può richiedere un diverso rapporto fra i vari ingredienti (più lievito, più acqua, più sale, ecc.), ecco perché nelle ricette sono state citate le marche.
Se si desidera utilizzare un altro mix , si consiglia di sperimentare verificando la consistenza dell’impasto che deve risultare simile a quella del gelato, correggendo con l’aggiunta di acqua e farina. Evitare anche di eccedere con il lievito e tenere sotto controllo l’esecuzione durante la fase finale di lievitazione e successiva cottura.

Zero-Glu può essere utilizzata sia per ricette senza glutine che con glutine?

È preferibile di no, se il destinatario è una persona celiaca, per evitare il rischio di contaminazione.

Quanto costa fare un pane con Zero-glu?

Per fare 1 kg di pane con farine comuni si spende mediamente 1 – 1,5 euro, a seconda della farina e della marca utilizzata, incluso il costo dell’energia elettrica. Nel caso di farine speciali come farro, Kamut, ecc il costo è intorno ai 3 euro al kg. Tale costo è meno della metà rispetto a quello del pane fresco in commercio.

Quanto costa fare un pane senza glutine con Zero-glu?

Il costo è mediamente ¼ rispetto a quello del pane a lunga conservazione dei marchi leader.

  • 1 kg di pane in cassetta* con Zero-Glu: 4 € (contro 13-18 € pane a fette confezionato Schar/Biaglut)
  • 1 kg di ciabatte* con Zero-Glu: 4,5 € (contro 17-22 € ciabatte confezionate Schar/Biaglut)

* realizzato con farina marca Schar

Zero-Glu si spegne da sola, una volta programmata?

Si. Per i programmi che prevedono un intervento dell’utente (programmi per ciabatte e panini e programma per lunghe lievitazioni), se l’utente non interviene entro un’ora la macchina si spegne, interrompendo il programma.

È possibile selezionare il grado di doratura con Zero-glu?

Si. ZERO-GLU ha 3 livelli di doratura: chiaro, medio, dorato.

È previsto il mantenimento al caldo con Zero-glu?

No, poiché si sconsiglia (soprattutto per il pane senza glutine) di lasciare il pane appena cotto nel contenitore per evitare che si inumidisca.
Negli altri casi il mantenimento al caldo a cottura finita è comunque garantito dalla temperatura interna (si è stato testato che non è necessario che la resistenza continui a scaldare ulteriormente per un’ora).

Quanto tempo si impiega per fare i dolci?

Le torte e i dolci a base di lievito chimico sono pronte in circa un’ora.

Quanto tempo si impiega per fare il pane?

Per le farine comuni (00 – 0 – 1 – 2 – manitoba), indicativamente:

  • pane in cassetta: 3 h e 12 min (prog. 14)
  • panini: 1 h e 54 min (prog. 16)
  • ciabatte: 2 h e 22 min (prog. 15)

Per le farine di kamut e farro:

  • pane in cassetta: 2 h e 55 min (prog. 10)
  • panini e ciabatte: 2 h e 31 min (prog. 11)

Per le farine senza glutine (richiedono tempi inferiori):

  • pane in cassetta: 2 h e 16 min (prog. 1)
  • panini e ciabatte: 2 h e 21 min (prog. 2)

Qual’è la dimensione della macchina del pane?

ZERO-GLU è lunga 43 cm, profonda 27,5 cm e alta 31,5 cm.

Quale è la capacità del contenitore?

Il contenitore pagnotta misura 22×12 cm e produce un pane bianco di circa 1 Kg (se il pane è dolce, integrale o contiene semi può essere più pesante).

Quale è la quantità massima di farina utilizzabile?

Per un pane in cassetta la quantità massima di farina è di 500/600 g, corrispondente a circa 1 kg di pane.
Per due ciabatte la quantità massima è di 300 g, per i panini 250g.
Le ricette sono pensate per sfruttare la quantità massima, è tuttavia possibile ridurre la quantità fino al 20%.

Quanti panini e ciabatte si possono ottenere?

Con i programmi per panini o ciabatte è possibile realizzare ogni volta 2 ciabatte da 250 g circa o 6 panini da 80 g circa, ben lievitati e con la forma del contenitore dove vengono cotti.
Per ottimizzare la lavorazione in termini di tempi e gestione, Zero-Glu fornisce chiare spiegazioni per realizzare ogni volta “doppia quantità”: circa 1 kg di ciabatte e panini.
Si fa partire il programma con doppia quantità di ingredienti e, dopo la fase di impasto e lievitazione (ai 10 bip della macchina), si mette da parte metà dell’impasto che verrà gestito come “sola cottura” separatamente.
Istruzioni precise sono presenti nel ricettario e all’interno di ogni singola ricetta.

Come si pulisce ZERO-GLU?

La camera di cottura, la resistenza e l’esterno della macchina vanno puliti con un panno morbido, umido e molto ben strizzato. Accessori e contenitori vanno lavati a mano.

Gli accessori si possono lavare in lavastoviglie?

I vari contenitori sono in alluminio e non possono quindi essere lavati in lavastoviglie, si consiglia di lavarli a mano.

Cosa succede se va via la corrente?

La macchina è dotata di una protezione  che, in caso di black out o di spegnimento accidentale, mantiene attiva la memoria per 15 minuti e garantisce il proseguimento della ricetta.

Come lavorano le pale mescolatrici?

ZERO-GLU è dotata di due pale mescolatrici per permettere di lavorare tutto l’impasto in modo corretto all’interno dell’ampio contenitore e produrre oltre 1 Kg di pane ben lievitato e dalla consistenza leggera. Se lo si desidera, si possono togliere le pale mescolatrici, nel momento indicato dalle ricette, per rendere più facile l’estrazione del pane o della torta dal contenitore “pagnotta” a fine cottura e ottenere così un risultato esteticamente migliore e perfetto da affettare.

Le pale mescolatrici vanno tolte dopo l’impasto?

Non è necessario togliere le pale dopo l’impasto: possono essere lasciate ed estratte dal pane già cotto con l’apposito gancio in dotazione.
Per rendere più facile l’estrazione del pane dal contenitore e soprattutto per avere un pane perfetto al taglio senza i fori lasciati dalle pale, è possibile estrarre le pale all’inizio dell’ultima lievitazione (il momento esatto per ogni programma è indicato in questa una tabella.

Per quanto tempo si conserva il pane in base al tipo di farina?

Il pane a base di mix senza glutine è ottimo se mangiato entro le 6 ore ma invecchia rapidamente, perdendo parte della fragranza. Si consiglia di riscaldarlo per pochi minuti in un tostapane o in un fornetto per ritrovare la fragranza e la bontà iniziale.
Il pane a base di farine comuni si conserva come il pane acquistato dal fornaio.
Mentre il pane realizzato con pasta madre o con poco lievito (metodo poolish) si conserva più a lungo nel tempo, mantenendo la fragranza anche per 4 o 5 giorni, grazie all’assenza o alla pochissima quantità di lievito di birra presente nell’impasto.

Il pane senza glutine fatto con Zero-Glu si può surgelare?

Si, si consiglia infatti di realizzare doppia quantità di ciabatte e panini e surgelarle una volta freddo.Nel caso della pagnotta si consiglia di tagliarla a fette prima di surgelarla.Anche in questo caso il pane senza glutine è ottimo e  ritrova la fragranza iniziale  se tostato prima di consumarlo.

Esistono ricette per chi è intollerante al glutine e al lievito contemporaneamente?

E’ però necessario, soprattutto per le farine senza glutine, un po’ di esperienza per ottenere un risultato ottimale.
Si, nella sezione delle ricette senza glutine sono presenti numerose ricette che utilizzano la pasta madre o pochissimi grammi di lievito (metodo poolish).

Quanto consuma ZERO-GLU?

Il consumo di ZERO-GLU varia da un minimo di 3 Watt durante la fase di impasto a un massimo di 920 Watt durante la fase finale di cottura. Per esempio Il consumo energetico per la realizzazione di un pane con un programma standard (circa 3 ore) corrisponde a 450 Watt, pari ad un costo indicativo di 0,10-0,15€.

ZERO-GLU è dotata di avvio ritardato? Come si imposta?

Con ZERO-GLU è possibile impostare l’avvio ritardato fino a 15 ore per preparare il pane con la forma a pagnotta: in questo modo è possibile programmare la macchina del pane al mattino e trovare il pane pronto la sera. Nel caso di farine senza glutine l’avvio ritardato, pur essendo possibile, è sconsigliato perché il contatto prolungato dei mix senza glutine (ricchi di additivi) con l’acqua potrebbe alterarli e compromettere il risultato finale.
Per impostare l’avvio ritardato gli ingredienti vanno inseriti nel contenitore pagnotta nel seguente ordine: ingredienti liquidi, farina, lievito, sale e zucchero; questi ultimi tre non devono entrare né in contatto fra di loro né con l’acqua per evitare che cominci la fase di lievitazione. Successivamente selezionare il programma, la forma ed il livello di cottura desiderato e impostare dopo quanto tempo si desidera trovare il pane pronto, utilizzando i tasti + e –.

Il prodotto rilascia PFOA?

ZERO-GLU è conforme a tutte le normative europee in materia di sicurezza alimentare e i rivestimenti antiaderenti non rilasciano PFOA.

È possibile realizzare pizze e focacce?

Si, nella sezione “impasti” si possono trovare numerose ricette per fare pizza e focaccia con farine comuni, integrali, senza glutine, di farro e di kamut.

È possibile trasformare le ricette senza glutine in ricette con glutine e viceversa?

Trasformare le ricette senza glutine del ricettario in ricette con glutine è piuttosto complicato. Queste ricette infatti sono “equilibrate” in funzione dei programmi (più corti per la panificazione senza glutine) e degli ingredienti, che hanno un rapporto totalmente diverso rispetto a quelle a base di farine tradizionali (es. le farine senza glutine sono in realtà un mix di farine + addensanti vari sostitutivi del glutine e assorbono molta più acqua della farina tradizionale). Sostituire nella ricetta la farina senza glutine con quella con glutine non porta ad una ricetta equilibrata ed il risultato non è garantito.

Quante sono le ricette senza glutine?

Il ricettario include ben 50 ricette senza glutine, la maggior parte delle quali dedicate alle forme ciabatte e panini (il pane senza glutine “in cassetta” viene spesso giudicato di sapore sgradevole a causa della presenza di troppa “mollica”).
Il ricettario include ricette sia per dolce che salato, per pani semplici o elaborati, per pizze e focacce, per tutti i giorni o per le occasioni speciali.
Molte delle ricette sono dedicate ai bambini, per stimolare il loro appetito nei vari contesti della loro giornata (scuola, merenda, gita, compleanno).
Per chi è intollerante al lievito, ci sono ricette senza glutine a base di pasta madre o con poco lievito (metodo poolish).

E’ possibile utilizzare le ricette di Zero-Glu con le altre macchine del pane?

No, poiché le ricette di Zero-Glu sono state scritte “su misura” in funzione delle caratteristiche dei rispettivi programmi, che nella maggior parte dei casi sono esclusivi.Nel caso dei pani senza glutine, il concorrenti hanno solo un programma per il pane bianco “in cassetta” (mancano programmi per pane rustico, dolci e per le forme panini/ciabatte).Inoltre, gli accessori ciabatte e panini di Zero-Glu hanno speciali bordi alti  per evitare che gli impasti senza glutine (semiliquidi) possano fuoriuscire durante la lievitazione e cottura.

Come viene il pane senza glutine?

Il pane realizzato con Zero-Glu è buono, croccante e leggero. La mollica è ben cotta e di sapore gradevole.
È fresco e sano, nettamente superiore in termini di gusto e croccantezza rispetto a quello industriale a lunga conservazione (ricco di elementi chimici quali grassi, addensanti e conservanti,) che i celiaci sono costretti a consumare.

Come fare se >>

Inviaci la tua domanda

* Campo obbligatorio


Tenacta Group Spa tutela i dati personali degli utenti e ritiene importante il loro trattamento. Per questo motivo desideriamo informare i nostri utenti sulle modalità da noi impiegate per la raccolta e il trattamento dei dati personali fornite dagli stessi.Raccolta di informazioniRaccogliamo dati collettivi, inerenti statistiche sull'utilizzo del nostro sito. Per ogni collegamento al sito, vengono salvate informazioni sul nome del file, sulla data e l'ora di collegamento, sul volume di dati trasferiti e sui messaggi relativi al successo o meno del collegamento stesso. Queste informazioni ci permettono di comprendere gli interessi e le preferenze generali dei nostri visitatori. I dati non sono personali, ma soltanto di carattere generale e statistico. Attraverso questi dati non è possibile determinare l'identità degli utenti che si sono collegati e quali dati hanno scelto. Inoltre, raccogliamo e salviamo automaticamente informazioni che vengono trasferite al nostro browser, in particolare all'indirizzo IP degli utenti e alla versione del browser. Questi dati vengono utilizzati esclusivamente per l'amministrazione del sistema e per garantire una trasmissione corretta delle nostre pagine. In alcune aree specifiche del sito vengono chiesti alcuni dati come nome, cognome, l'indirizzo di casa e l'indirizzo e-mail e recapito telefonico. Questi dati sono conservati.Cancellazione e rettifica dei dati----------------------Ogni utente ha il diritto di richiedere in qualsiasi momento la rettifica e la cancellazione totale o parziale dei dati personali forniti.Comunicazione di informazioni a terzi----------------------Tenacta Group Spa non comunica alcuno dei dati raccolti a terzi; nello specifico, essi non vengono venduti, ceduti o scambiati. Solo quando dobbiamo a rivolgerci a subappaltatori o agenti per prestare i servizi richiesti dagli utenti, comunichiamo a terzi i dati rilevanti. In questi casi, richiediamo ai nostri partner di trattare i dati in modo riservato, in ottemperanza alle disposizioni normative vigenti.Finalità della raccolta dei dati----------------------I dati forniti potranno essere trattati, con mezzi elettronici, direttamente o anche attraverso terzi, per le seguenti finalità:1. eseguire ricerche di mercato e sondaggi, anche on-line;2. inviare materiale informativo, pubblicitario, promozionale e/o commerciale, sia per via e-mail che via posta, relativo sia a Tenacta Group Spa che ai suoi brand e prodotti;3. effettuare eventuale attività di vendita diretta;4. compiere comunicazioni commerciali interattive;5. partecipare a giochi e concorsi.Il titolare del trattamento dei dati, al quale potrà rivolgersi per l'esercizio dei suoi diritti, è TENACTA GROUP S.p.A.Via Piemonte, 5/11 - 24052 AZZANO S.PAOLO (BG) ITALYTel. +39-035-68.81.11 - Fax +39-035-32.01.49Email: info@imetec.it, info@tenactagroup.comP.IVA e Cod. Fisc. : 02734150168C.C.I.A.A. di Bergamo R.E.A. n. 318318 – Capitale Sociale € 20.640.000 IV

La tua area personale

x

oppure Registrati